Il reato di diffamazione previsto dall’art. 595 del nostro Codice Penale è forse uno dei piu frequenti.

La diffusione dei social network ha favorito la condivisione di idee e opinioni e con queste anche le “offese all’altrui reputazione”.

Come tutti i reati anche la diffamazione è sanzionata dal nostro ordinamento con una “pena” ed in particolare con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1.032.
Fin qui sembrerebbe tutto semplice.

Ma ecco alcuni aspetti che non tutti conoscono riguardo al reato di diffamazione:

Il reato di diffamazione

IL PRIMO.
L’articolo 131-bis del Codice penale esclude la possibilità di processare e punire tutti i reati che non abbiano determinato gravi conseguenze e non siano puniti con una pena detentiva fino a massimo 5 anni e/o con la pena pecuniaria. In questo modo si identifica la cosiddetta particolare tenuità del fatto.
La diffamazione rientra a pieno titolo in questo meccanismo.

IL SECONDO.
La Corte Costituzionale ha poi esteso l’applicabilità della tenuità del fatto includendo anche quei reati per i quali la legge non prevede una pena minima ma solo quella massima. In passato era dibattuto, se a tali situazioni si dovesse applicare la particolare tenuità del fatto. La Corte Costituzionale ha risolto definitivamente in senso favorevole la questione. Quindi, è evidente che la non punibilità andrà a coprire anche le forme particolarmente aggravate di diffamazione.
Libertà di diffamare? No, la diffamazione è, e rimane, un reato. La persona diffamata potrà agire in sede civile per ottenere il risarcimento del danno che dovrà provare di aver subito.

Contatta lo Studio Legale per una consulenza
Possiamo aiutarti?









    Call Now Button