L’assegno divorzile consiste nell’obbligo da parte del coniuge di pagare, con cadenza periodica all’altro coniuge, un assegno nel caso in cui quest’ultimo non abbia i mezzi adeguati, oppure sussistano ragioni oggettive per cui non possa procurarseli.

Assegno divorzile: Chiarimenti

Quando si vuole quantificare l’assegno di mantenimento è facile commettere degli errori dovuti al fatto che spesso si dimentica che la misura del contributo dovuto all’ex coniuge in caso di divorzio non dipende dalla differenza dei redditi tra i coniugi. Infatti, può accadere che uno dei due coniugi sia molto più facoltoso e l’altro non abbia diritto a nessun assegno.

Il motivo deriva dal fatto che il fine dell’assegno divorzile non è quello di garantire all’ex coniuge lo stesso tenore di vita che aveva durante la convivenza matrimoniale, ma solo l’autosufficienza.

Contatta lo Studio Legale per una consulenza
Possiamo aiutarti?









    Call Now Button